Diritto Doganale

La fiscalità doganale vive oggi una fase di crescente interesse internazionale e di centralità nella programmazione dell’attività d’impresa, in conseguenza sia della globalizzazione che della guerra dei dazi e della Brexit.

L’internazionalizzazione determina l’evoluzione dell’impresa, nel quadro di un’economia mondiale più integrata e interdipendente, ma anche più competitiva e complessa. Assistiamo al superamento dei confini economici, produttivi e di mercato. Per le imprese si aprono spazi verso nuovi mercati e opportunità, ma si incrementa anche la dinamica della competizione in ambiti locali, fino a quel momento relativamente “protetti” rispetto ai concorrenti esteri. La produzione estende su scala planetaria le logiche di mercato, delocalizzando dove i costi sono più bassi e, grazie alla rivoluzione nei trasporti internazionali (con sensibile riduzione delle spese di movimentazione da un continente all’altro) e allo sviluppo delle comunicazioni e del commercio elettronico, vendendo in mercati di sbocco in altri continenti.

 

Perché, nonostante la generale riduzione delle tariffe, la materia doganale assume sempre maggiore interesse nel commercio internazionale?

Essenzialmente, le ragioni dell’attualità del diritto doganale sono tre.

In primo luogo, le guerre commerciali si disputano oggi utilizzando la leva doganale, sia per proteggere le produzioni interne che nel quadro di scenari politici più ampi (si pensi all’attuale guerra dei dazi tra Usa e Cina).

Il riemergere del protezionismo pone il diritto doganale al centro delle agende politiche internazionali e della programmazione delle imprese.

Il secondo fattore che contribuisce all’attualità della materia è strettamente correlato alla complessità dei processi produttivi e alla loro frammentazione, giacché la delocalizzazione di molte funzioni comporta, per le imprese, l’assolvimento di dazi anche negli scambi intercompany.

Il terzo fattore che contribuisce all’attualità della materia è strettamente correlato alla recente codificazione, a livello internazionale, di quasi tutti i settori della disciplina doganale: le aziende che operano nell’importexport, oggi, devono tenere in considerazione, in maniera sempre crescente, non soltanto il coordinamento tra la normativa interna e quella europea ma, soprattutto, tra quest’ultima e la prevalente disciplina internazionale. In materia doganale il progressivo avvicinamento delle legislazioni nazionali è forte più che in ogni altro settore del diritto.

Occorre conoscere le fonti e i principi fondamentali di diritto doganale internazionale e comunitario, anche nella disciplina Wto e Wco (World customs organization), che ormai interessano quasi integralmente il commercio mondiale. Tale diritto sovranazionale, infatti, contiene alcune essenziali regole, al cui rispetto sono tenute anche la disciplina doganale europea e nazionale.

L’obbligatorietà, per l’Unione europea e per tutte le principali economie mondiali, delle regole Wto rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per la materia doganale.

Il diritto doganale è una materia armonizzata complessa e in costante evoluzione, risultato del coordinamento, spesso difficile, di diverse fonti normative (internazionali, comunitarie e nazionali).

Rispetto ad altri settori del diritto tributario, in ambito doganale si è assistito–più che in ogni altro–allo sviluppo di una disciplina internazionale uniforme, che interessa gli aspetti fondamentali dell’obbligazione doganale (valore, origine, classifica) e a un’integrazione normativa europea compiuta.

 

Dal 1° maggio 2016 è in vigore un impianto normativo europeo completamente nuovo: il regolamento UE 9 ottobre 2013, n. 952, che rappresenta il codice doganale dell’Unione , completato dal regolamento delegato n. 2015/2446  e dal regolamento di esecuzione 2015/2447.

In uno scenario così complesso, la competitività delle imprese e la loro crescita non sono più determinate soltanto dall’attrattività dei prodotti, ma – in maniera sempre crescente – dalla corretta pianificazione dei tempi, dei costi e delle procedure doganali adottate.

 

AR.com offre corsi formativi per approfondire i seguenti aspetti del diritto doganale

  • Prevenzione delle contestazioni doganali
  • Ruling con l’Agenzia delle dogane
  • Contenzioso doganale
  • Classificazione doganale
  • Valore delle merci in Dogana
  • Transfer pricing e valore doganale
  • Origine delle merci
  • Made in Italy
  • Garanzie
  • Aeo
  • Accise
  • Reati doganali
  • Evasione dell’Iva all’importazione
  • Contrabbando

Prossimi corsi